Vaccini per neonati

Vaccini per neonati, perché farli

Per i neo genitori l’argomento vaccini può diventare spesso un tabù a causa della dilagante disinformazione presente sul web e di alcune naturali paure per il proprio bambino. Del resto appena nati i figli sembrano di cristallo e l’idea di fargli un’iniezione può suscitare vero e proprio panico, ma in realtà serve proprio a proteggere la loro salute ed a preservarli da rischi reali e gravi.
Infatti il ​​sistema immunitario con cui nasciamo basta a sostentare l’organismo solo per le prime settimane, e gli anticorpi della madre non proteggono dalle malattie infettive.

Perché vaccinare un neonato

Come detto gli anticorpi che abbiamo al momento della nascita non hanno vita lunga e soprattutto non sono capaci di proteggere da malattie come il tetano, la poliomielite, l’epatite, la pertosse e la difterite. Prima dell’avvento delle vaccinazioni la morte di neonati a causa di queste patologie era purtroppo molto comune. Inoltre le vaccinazioni multiple che vengono utilizzate al giorno d’oggi hanno il potere di amplificare la risposta del sistema immunitario, allo stesso tempo lo stress di ripetute iniezioni al bambino. Il calendario vaccinale è stato studiato da esperti nel corso del tempo ed è rispettato il più possibile. L’unico caso in cui è giusto rimandare è in caso sia presente una patologie acute come bronchite, tonsillite e gastroenterite sempre seguendo le direttive del proprio pediatra.

Effetti collaterali più frequenti

I vaccini nella maggior parte dei casi non da nessun effetto collaterale ed in alcuni casi ci possono essere degli eventi banali, leggeri e breve durata.
Può ad esempio manifestarsi una leggera febbre che scompare in poche ore, e nel caso si alzi un poco basterà un semplice antifebbrile consigliato dal pediatra.
Nei bambini più piccoli possono capitare episodi di irritabilità ed irrequietezza nelle ore successive alla vaccinazione, in aggiunta a forti crisi di pianto durante la vaccinazione stessa. Queste ultime scompaiono in pochi secondi, semplicemente con un abbraccio consolatorio del genitore.
Sempre nei più piccoli si può avere un po ‘di sonnolenza nelle ore successive.
Nel punto dell’iniezione si possono avere reazioni locali come arrossamento o dolore al contatto, in alcuni casi compare un nodulo duro grande come una nocciola che può durare diverse settimane. Anche questo è totalmente innocuo e si risolve spontaneamente senza bisogno di nessun trattamento.

Vaccini obbligatori e non

Per i neonati si hanno alcuni vaccini che sono obbligatori per la legge italiana e praticamente consistono in una sola iniezione con richiamo. Infatti è il cosiddetto  vaccino esavalente  che comprende anti difterite, anti tetano, anti pertosse, anti poliomelite, anti epatite B e anti Haemophilus influenzae di tipo B.
Mentre i vaccini non obbligatori sono l’ anti pneumococco coniugato , l’ anti meningococco B  e l ‘ anti rotavirus.
Comunque sia anche questi ultimi sono fortemente raccomandati, in quanto non comportando nessun rischio per il bambino, di contro l’eventuali malattie possono avere conseguenze gravi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.