Il-decalogo-per-migliorare-se-stessi-ogni-giorno

Il Decalogo per migliorare se stessi ogni giorno

Ecco una breve e semplice lista, su piccole ma pratiche azioni che possono rendere la tua vita e la tua persona migliori: noterai i benefici di queste pratiche quanto più frequentemente ed intensamente deciderai di effettuarle, dunque non perdertele.

La lista dei dieci consigli per migliorarsi giornalmente

  1. Inizia col praticare esercizi di respirazione basilari, e poi, successivamente passare a pratiche di meditazione e yoga. Come dice la famosissima locuzione latina, delle Satire di Giovenale, “Mens sana in corpore sano”, il corpo è il tuo personale tempio da abitare, se questo è sporco, confuso e pieno di spazzatura allo stesso modo sarà la mente, e viceversa. Mantieni pulite la mente e il corpo, per risultati strabilianti che inficieranno non solamente sulla tua salute, ma anche sulla natura delle relazioni sociali e sul lavoro.
  2. Leggere anche 10 minuti al giorno, su un argomento che ti ha sempre incuriosito, può rivelarsi un’azione proficua e piacevole. Nel giro di un paio di anni quei 10 minuti al giorno si sono trasformati in ore, e potrai dirti un attento osservatore e conoscitore di quella materia. Un passo alla volta, un gradino alla volta, sarai in grado di diventare un esperto in quel settore. Senza eccessivi sforzi.
  3. Sii calmo, pacifico e riflessivo, anche se al giorno d’oggi è impresa ardua. Lo stress, l’ansia, le agitazioni dissiperanno la tua energia, il tuo stato d’animo e le tue forze. Impedisci a qualsiasi persona o cosa di arrecarti danno,  fisico o mentale che sia, stai lontano dalle amicizie cattive e dai rapporti tossici. Per un pò magari sarai solo e triste, ma dopo qualche tempo avrai coltivato nuove amicizie positive e benefiche, che ti aiuteranno a crescere e migliorare come individuo. Inoltre controlla anche le tue parole ed azioni, ci vuole infatti un attimo a buttare in aria centinaia di rapporti solamente per l’impulsività e rabbia di un momento. “Prima di sparare pensa!”.
  4. Il primo passo per essere libero e ricongiungere il proprio ego, con l’Io più profondo e fedele alla verità è quello di smettere di giudicare. Quando si giudica si finsice per vivere un’esistenza grama, arida e secca, esistono altri punti di vista, altre visioni della vita, corrette o meno, ma non sta né a me né a te giudicare. E, a parte gesti eclatanti fatti di cattiveria e violenza, universalmente condannabili, il resto è a discrezione del singolo individuo. Prima capisci questo semplice passaggio prima molte cose ti saranno chiare e meno complicate. C’è sempre il rovescio della medaglia, in tutte le situazioni. Un altro punto da correggere è quello di non assalire il proprio interlocutore quando si sta esprimendo, ma di lasciarlo parlare tranquillamente, molti screzi litigiosi avvengono proprio per questo motivo.
  5. Ammettere i propri errori è raro, farlo in maniera umile e sincera lo è ancora di più, quando questo avvenimento raro accade, a tuo favore, raditi la testa a zero e mettiti una maglietta a girocollo rosa  con un unicorno stampato sopra, perché è un evento più unico che raro. Se però avviene, sii magnanimo e “buono” da riconoscere almeno che la persona che ci ha chiesto scusa l’ha fatto. Nel bene o nel male, l’ha riconosciuto. Ringraziale perché, nonostante l’errore commesso, hanno imparato a chiedere scusa, vedi il buono delle cose e non sempre il negativo. Metti l’ego da parte ed abbraccia sinceramente l’altro.
  6. Sorridi, più spesso. All’autista del pullman che ti riporta a casa, al panettiere che ti prepara con le sue mani un pane genuino e croccante, al barista che ti regala una cicca da masticare al posto del resto… va bé, non proprio a tutti dovrai sorridere. Trasmettere spensieratezza e felicità oltre che arricchire te stesso lo farà anche con le persone al tuo fianco o che incontrerai per strada. Questo ti aiuterà a rendere la giornata meno pesante e tragica. E guarda un pò, lo farà anche a chi ha ricevuto il tuo sorriso, inconsapevolmente.
  7. Prenditi del tempo per startene da solo. Questo ti aiuterà a sviluppare un maggior autocontrollo sulle tue emozioni e sui tuoi pensieri, ti permetterà di dar voce alla porta più profonda ed innata della tua anima, e le darai libero sfogo di confrontarsi e di venir fuori naturalmente. Molto simile alla meditazione ti condurrà verso scenari e prospetti che in maniera impulsiva ed istintiva non avevi valutato.
  8. Valuta bene la quantità e qualità dei tuoi pensieri, il pensare troppo a lungo andare ti stressa e genera malcontento e depressione. Quando affronti un problema, che sia piccolo o grande, collocalo sempre nello spazio-tempo: è un problema che devo risolvere oggi? Domani? Tra 1 mese? In tal modo potrai gestire i tuoi impegni egregiamente, tenendo a mente o appuntando tutte le scadenze. Se è un problema che non ha una soluzione è inutile anche pensarci! Lo stesso vale per i pensieri che sai bene tra 1 anno o 2 non ci saranno più, tanto vale liberarsene il prima possibile.
  9. Chiedi rispetto, per la tua persona, il tuo modo di fare e di essere, sempre che questo non sia arrogante, odioso o supponente. Negli altri casi la cosa migliore che puoi chiedere ad un’altra persona è del vero, profondo e costruttivo rispetto. Sia che tu sia un nerd incallito e solitario, sia che tu sia la persona buffa ed animosa nel tuo gruppo. Meriti lo stesso del rispetto, ad ogni modo ed in ogni circostanza.
  10. Credi in te stesso, perché nessuno lo farà al posto tuo, ed anche perché non costa niente. Il cielo è il limite, e puoi ottenere tutto quello che vuoi, ti basterà soltanto: passione, impegno, ambizione, resilienza, forza di volontà e una buona dose di “cazzimma” napoletana.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.